Vai menu di sezione

UK - High Court (Family Division) - A & B (No 2 -Parental Order) v. X & Y et al. : maternità surrogata
17 Luglio 2015

La High Court per l’Inghilterra e il Galles ha autorizzato la registrazione di un parental order oltre il termine di sei mesi previsto dalla legge.

Numero
[2015] EWHC 2080 (Fam)
Anno
2015

C e D sono due bambine nate in India nel 2011 in seguito ad un accordo di maternità surrogata. I genitori committenti, A e B, che sin dalla nascita si sono presi cura delle bambine. A e B adiscono la High Corte per ottenere un parental order che permetta loro di essere riconosciuti a tutti gli effetti, genitori delle bambine.

La decisione verte sull’interpretazione dell’art. 54 dello Human Fertilisation and Embriology Act 2008 e richiama un precedente della High Court del 2014.

I genitori hanno sottoposto alla Corte la richiesta di parental order 17 mesi dopo la scadenza dei sei mesi previsti dalla legge. Secondo quanto da loro stessi dichiarato, non erano a conoscenza della necessità di presentare tale richiesta alla High Court, ritenendo che fosse sufficiente il certificato di nascita regolarmente rilasciato dalla autorità indiane.

Persuasa della buona fede della coppia committente, la Corte decide di accordare il parental order previsto dalla legge sulla base di una pluralità di considerazioni, la verifica delle quali è richiesta dallo Human Fertilisation and Embriology Act:

-          Entrambi i genitori sono cittadini britannici che hanno trascorso in Gran Bretagna gran parted ella loro vita;

-          Il documento di consenso firmato dalla madre surrogata e da suo marito è stato sottoscritto liberamente, incondizionatamente e nella comprensione del suo significato;

-          Nonostante alla Corte non sia stato trasmesso il dettaglio dei pagamenti effettuati, la Corte autorizza il trasferimento di denaro.

Con riguardo al benessere delle bambine, anche in considerazione della relazione dell’assistente sociale, la Corte osserva che le stesse non hanno mai avuto altra famiglia che quella di A e B. Per questo motivo, nessun altro provvedimento potrebbe realizzare il loro benessere meglio di un parental order con il quale attribuire la piena genitorialità ad A e B.

Il testo della sentenza è disponibile nel box download.

Lucia Busatta
Pagina pubblicata Venerdì, 17 Luglio 2015 - Ultima modifica: Mercoledì, 12 Giugno 2019
torna all'inizio del contenuto