Vai menu di sezione

Garante per la Privacy - Consultazione pubblica sulle norme contenute in Autorizzazioni generali compatibili con il GDPR

Con un provvedimento del 13 dicembre 2018 il Garante per la protezione dei dati personali ha individuato le previsioni contenute in alcune Autorizzazioni generali al trattamento dei dati che ha ritenuto compatibili con il nuovo Regolamento europeo per la protezione dei dati personali e con le norme nazionali di adeguamento del codice (d.lgs. 101/2018).

13/12/2018

Ai sensi dell’art. 21 del d.lgs. 10 agosto 2018, n. 108, il Garante ha individuato le prescrizioni contenute nelle Autorizzazioni generali nn. 1/2016, 3/2016, 6/2016, 8/2016 e 9/2016 che risultano compatibili con il Regolamento europeo (GDPR) e con il d.lgs. n. 101/2018 di adeguamento del Codice e le ha riportate in un allegato (allegato 1) che costituisce parte integrante del provvedimento.

Di seguito è stato deliberato l'avvio di una consultazione pubblica con l'obiettivo di acquisire osservazioni e proposte rispetto alle prescrizioni individuate, con specifico riguardo ai risvolti applicativi dei principi ivi enunciati nonché agli eventuali profili di criticità riscontrabili o anche già sperimentati nel settore di riferimento, a cura di tutti i soggetti interessati, anche eventualmente attraverso le associazioni di categoria e le organizzazioni rappresentative dei settori di riferimento quali ad esempio quelle del mondo del lavoro e della ricerca scientifica, nonché delle chiese e comunità religiose.

Tutti i soggetti interessati sono pertanto invitati a far pervenire le osservazioni, i commenti, le informazioni, le proposte e tutti gli elementi ritenuti utili, entro 60 giorni dalla pubblicazione dell'apposito avviso pubblico di avvio della medesima consultazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Le Autorizzazioni interessate dal provvedimento sono le seguenti:

Marta Tomasi
Pagina pubblicata Giovedì, 13 Dicembre 2018 - Ultima modifica: Martedì, 23 Luglio 2019
torna all'inizio del contenuto