Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "accetto" acconsenti all’uso dei cookie.

Jus centrale ita bianco

Martedì, 08 Marzo 2016 18:16

CALL FOR PAPERS: BioLaw Journal 2/16

Il comitato di direzione di BioLaw Journal – Rivista di BioDiritto ha il piacere di proporre, in occasione del settimo numero della Rivista, una call for papers dedicata al tema della gestazione per altri.

Nel box download il testo completo della call.

 

La questione della gestazione per altri – definita in ambito giornalistico anche come maternità surrogata o utero in affitto – sta dilagando nel dibattito politico, culturale e mediatico, in Italia e all’estero.

Si tratta di uno dei temi più urgenti che si agita nel campo del biodiritto e della bioetica; come spesso accade in questi settori, le tecnologie attuali non hanno “creato” il problema, ma hanno solo (enormemente) accentuato una questione che è davvero vecchia quanto il mondo.

L'evoluzione scientifica, infatti, ha portato ad un considerevole ampliamento del panorama delle possibilità riproduttive, un tempo limitate.

Ne deriva un quadro caratterizzato da molteplici possibilità. I gameti, infatti, possono provenire entrambi dalla coppia committente, oppure da donatori esterni alla coppia. Ancora, uno solo di essi (maschile o femminile, anche se quest’ultima ipotesi è più frequente) può provenire da uno dei membri della coppia e l’altro da un donatore. L’ovulo, infine, potrebbe provenire anche dalla madre surrogata (indipendentemente dal tipo di fecondazione). Naturalmente il quadro si complica ancora di più se introduciamo la variante delle coppie omosessuali.

A seconda dell’ipotesi analizzata, mutano i legami tra i soggetti presi in considerazione: entrambi i componenti della coppia committente saranno anche genitori genetici; uno solo o nessuno di essi lo sarà nel caso di ricorso a donazione di gameti esterni alla coppia. La madre gestante, infine, avrà un legame genetico con il nato solo nel caso in cui sia anche la donatrice dell’ovulo.

Resta fuori dall’elenco l’ipotesi in cui non vi sia nessuna surrogazione in senso proprio, ma semplicemente la coppia (etero o omo che sia) acquisti in qualche modo la genitorialità di un figlio concepito da un’altra coppia (com'è nel modello dell'adozione). Questa ipotesi, che tradizionalmente è già regolata con un più o meno elevato tasso di severità da ogni ordinamento giuridico, resta fuori dalla call, se non per il sottile filo di distinzione che la separa dal caso in cui l’embrione derivi dalla fecondazione dei gameti di due donatori esterni alla coppia.

La call è aperta all’invio non solo di contributi giuridici, ma anche di riflessioni di carattere etico, storico, filosofico, sociologico, psicologico, economico, etc.

 

 

I contributi saranno valutati, in forma anonima, da parte di un apposito comitato scientifico e selezionati anche sulla base della loro originalità per la pubblicazione sulla Rivista.

Gli scritti non dovranno superare gli 80.000 caratteri (spazi inclusi) e potranno essere redatti in italiano, inglese, spagnolo o francese (con abstract in inglese) secondo i criteri redazionali indicati nel file reperibile a questa pagina.

I contributi dovranno essere inviati entro il 1 maggio 2016 al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Letto 2079 volte Ultima modifica il Martedì, 08 Marzo 2016 18:44