Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "accetto" acconsenti all’uso dei cookie.

Jus centrale ita bianco

Venerdì, 04 Dicembre 2015 08:38

Gene Editing: statement del Comitato di Bioetica del CoE e del comitato organizzatore dell'International Summit

Il Comitato di bioetica del Consiglio d'Europa e il gruppo di ricercatori coinvolti nell'lnternational Summit on Human Gene Editing hanno approvato due dichiarazioni sulle tecniche di modifica del DNA.

1. Il Comitato di Bioetica del Consiglio d'Europa riconosce il potenziale delle nuove tecnologie di modifica del DNA per il miglioramento delle condizioni di salute, ma rileva anche i rischi che possono derivare dall'applicazione di queste nuove tecniche, soprattutto per le generazioni future.

Nella dichiarazione si ribadisce la rilevanza e attualità dei principi sanciti nella Convenzione di Oviedo e la necessità di riflettere sulle implicazioni etiche e giuridiche derivanti dall'implementazione dei nuovi approcci.

Il testo dello statement.

2. Contenstualmente al meeting del Comitato di Bioetica del CoE, a Washington D.C., si è svolto l'lnternational Summit on Human Gene Editing, organizzato da National Academy of Sciences, National Academy of Medicine, con il supporto della Chinese Academy of Sciences e della Royal Society del Regno Unito.

La dichiarazione adottata dal comitato degli organizzatori dell'International Summit è favorevole a un prudente sviluppo delle applicazioni mediche della tecnologia di modifica del DNA sulla linea somatica (modifiche che non si trasmettono alle generazioni future).

"Examples that have been proposed include editing genes for sickle-cell anemia in blood cells or for improving the ability of immune cells to target cancer". 

Più cauto l'approccio nei confronti di modifiche alla linea germinale, per le quali si ritengono necessarie ulteriori e approfondite fasi di ricerca: “It would be irresponsible to proceed with any clinical use of germline editing unless and until (i) the relevant safety and efficacy issues have been resolved … and (ii) there is broad societal consensus about the appropriateness of the proposed application”.

Esclusa invece la possibilità di applicare le tecniche di modifica del DNA su embrioni destinati all'impianto.

A questo link il testo della dichiarazione, i video e i materiali delle presentazioni dell'incontro.

M.T.

 

 

Letto 1107 volte Ultima modifica il Venerdì, 04 Dicembre 2015 09:19