Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "accetto" acconsenti all’uso dei cookie.

Jus centrale ita bianco

Lunedì, 31 Dicembre 2018 11:27

Relazione annuale 2018 sull’attuazione della legge n. 194/1978

È stata trasmessa al Parlamento il 18 gennaio 2019 la Relazione del Ministro della Salute contenente i dati definitivi del 2017 sull’attuazione della L.194/78, che stabilisce norme per la tutela sociale della maternità e per l’interruzione volontaria della gravidanza (IVG).

In sintesi, i dati presentati evidenziano quanto segue:

  • In totale nel 2017 sono state notificate 80.733 IVG, confermando il continuo andamento in diminuzione del fenomeno, in misura leggermente maggiore rispetto a quello osservato nel 2016 (-4.9% rispetto al dato del 2016 e -65,6% rispetto al 1982, anno in cui si è osservato il più alto numero di IVG in Italia pari a 234.801 casi);
  • Diminuzioni percentuali particolarmente elevate si osservano in Liguria, Umbria, Abruzzo e nella Provincia autonoma di Bolzano, mentre la Provincia autonoma di Trento è l'unica con un lieve aumento di interventi;
  • Tutti gli indicatori confermano il trend in diminuzione: il tasso di abortività (numero di IVG rispetto a 1000 donne di 15-49 anni residenti in Italia), che rappresenta l'indicatore più accurato per una corretta valutazione della tendenza del ricorso all'IVG, è risultato pari a 6,2 per 1000 nel 2017, con un decremento del 3,3% rispetto al 2016 e con una riduzione del 63,6% rispetto al 1982. Il dato italiano rimane tra i valori più bassi a livello internazionale;
  • Il rapporto di abortività (numero di IVG rispetto a 1000 nati vivi) nel 2017 è risultato pari a 177,1 per 1000 nati vivi (o 17,7 per 100 nati vivi), con una riduzione del 2,9% rispetto al 2016 e del 53,4% rispetto al 1982. È da considerare che in questi ultimi anni anche i nati della popolazione presente sul territorio nazionale sono diminuiti di 9.643 unità.

Nella relazione è contenuto anche un monitoraggio ad hoc sull’obiezione di coscienza. La media nazionale dei ginecologi che si avvalgono di tale previsione si attesta al 70.9 % nel 2016 e al 68,4% nel 2017.

Nel box download è disponibile il testo della relazione e la tabella con i dati relativi ai tassi di abortività per classi di età e regione. Maggiori informazioni a questo link.

 

Le relazioni degli anni precedenti:

Relazione 2017, con i dati definitivi del 2015 e del 2016.

Relazione 2016, con i dati definitivi del 2014 e del 2015.

Relazione 2015, con i dati preliminari del 2014 e i dati definitivi del 2013.

Relazione 2014, con i dati preliminari del 2013 e i definitivi del 2012.

Relazione 2013, con i dati preliminari del 2012 e quelli definitivi del 2011.

Relazione 2012, con i dati preliminari del 2011 e quelli definitivi del 2010.

Maria Turato

Letto 108 volte Ultima modifica il Mercoledì, 06 Marzo 2019 11:44