Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "accetto" acconsenti all’uso dei cookie.

Jus centrale ita bianco

Mercoledì, 06 Giugno 2018 20:16

Volontà, veritas, arbitrio: fecondazione assistita e regole codicistiche

Convegno sulle problematiche giuridiche collegate alla procreazione medicalmente assistita. Trento, Aula Kessler, Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, ore 14.30.

I casi più vivi di cronaca giudiziaria nell’ambito del diritto di famiglia coinvolgono la fecondazione assistita: dallo scambio di embrioni nel caso Pertini, alla gestazione per altri, al riconoscimenti di genitorialità non adottiva in capo a due persone dello stesso sesso, fino ai tentativi di sottrarsi alla genitorialità da parte del padre non genetico. Il diritto di famiglia, come il diritto civile tutto, trovava la propria fonte primaria nel Codice civile del 1942. Tuttavia, ottant’anni dopo non si può più parlare di una famiglia che vede nel Codice il suo modello primario. Troppi istituti fondamentali s’affermano fuori dal codice e il pluralismo degli schemi familiari non consente più di parlare di un modello, ma solo di modelli aventi pari dignità.

 Maggiori informazioni a questo link.

Letto 303 volte