Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "accetto" acconsenti all’uso dei cookie.

Jus centrale ita bianco

Con la sentenza del 13 dicembre 2016 la Grande Chambre della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha specificato l’ambito di applicazione degli articoli 2, 3 ed 8 Cedu, in un caso concernente la emissione di un ordine di rimpatrio in Georgia nei confronti di un soggetto residente in Belgio, gravemente malato, ma non in immediato rischio di vita.

La Corte di Giustizia ha stabilito che l’obesità può essere considerata un handicap, secondo la nozione della direttiva 2000/78/CE, sul divieto di discriminazioni fondate sulla disabilità.

Pubblicato in Giurisprudenza europea

Incontro organizzato all’interno del corso di BioDiritto, lunedì 4 maggio 2015, dalle ore 15:00 alle ore 17:00, presso la Facoltà di Giurisprudenza (Trento).

Pubblicato in Eventi

La Court of Protection ha riconosciuto ad una donna, ultrasessantenne con con problemi di salute mentale, il diritto a rifiutare l’amputazione di un arto, infettatosi in seguito all’aggravamento delle sue condizioni di salute e all’avanzamento del diabete.

Pubblicato in Giurisprudenza straniera

AISLA onlus ha pubblicato un documento sulle scelte mediche e terapeutiche per le persone affette da SLA.

Pubblicato in News

La Corte EDU ha condannato la Croazia per violazione dell’art. 8 CEDU in un caso relativo all’accertamento dell’incapacità di un soggetto disabile.

La Court of Protection di Londra ha riconosciuto che, considerate le circostanze del caso concreto, non rientri nel miglior interesse della paziente in stato di minima coscienza un ulteriore tentativo di attivazione di meccanismi artificiali di nutrizione e idratazione.

Pubblicato in Giurisprudenza straniera

Dopo la High Court, e la Court of Appeal, anche la Corte Suprema del Regno Unito ha stabilito che la Section 2 del Suicide Act del 1961 non deve essere dichiarata, per il momento, in contrasto con l’art. 8 della CEDU.

Pubblicato in Giurisprudenza straniera

La Corte Suprema del Regno Unito ha stabilito che l'interruzione di alcuni trattamenti medici invasivi su una persona incapace è nel migliore interesse del paziente, nonostante la resistenza da parte dei familiari.

Pubblicato in Giurisprudenza straniera

L'Health Committee istituito presso la House of Commons ha diffuso la relazione sullo stato di attuazione del Mental Health Act.

Pubblicato in News
Pagina 1 di 4