Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "accetto" acconsenti all’uso dei cookie.

Jus centrale ita bianco

Domenica, 30 Aprile 2017 17:43

Singapore, Court of Appeal - ACB v Thomson Medical Pte Ltd and others [2017] SGCA 20: risarcimento del danno da “loss of genetic affinity”

La Court of Appeal di Singapore ha riconosciuto il risarcimento del danno per perdita da genetic affinity richiesto da una donna che, sottopostasi a tecniche di PMA, a causa di uno scambio di gameti, è diventata madre di una bimba che non condivide il patrimonio genetico con suo marito.

Nel 2010 una coppia si rivolgeva a un centro di procreazione medicalmente assistita per accedere a un’inseminazione artificiale. A causa di un errore, gli ovuli prelevati alla donna erano stati fertilizzati con il seme di un estraneo. La bimba nata, dunque, non risulta essere geneticamente legata al marito della donna.

Nel 2012 la madre avanzava una richiesta di danni, comprensiva delle spese di mantenimento della figlia, che veniva rigettata in primo grado in ragione dell’ottimo stato di salute di cui la bimba godeva.

In secondo grado, la Court of Appeal conferma la decisione di primo grado, ritenendo che una diversa soluzione sarebbe contraria all’ordine pubblico.

"The law views the responsibilities of parenthood as obligations of a legal and moral character which arise in relation to the birth of new life; these obligations are incapable of valuation as 'loss' in any meaningful sense and cannot be the subject of a claim for damages.

"Given that the Appellant and her husband have accepted Baby P as their own (and assumed the status of parents), they must be taken to have accepted the responsibility of maintaining Baby P (financially and in all other respects)".

La Corte ha però ritenuto che la donna abbia subito una perdita da “genetic affinity”.

"In the circumstances, the Court recognises that the Appellant's desire to have a child of her own, with her Husband, is a desire that is a basic human impulse, and its loss is keenly and deeply felt”.

"The ordinary human experience is that parents and children are bound by ties of blood and this fact of biological experience - heredity - carries deep socio-cultural significance...”

"And when, as in the present case, a person has been denied this experience due to the negligence of others then she has lost something of profound significance and has suffered a serious wrong”.

"This loss of 'affinity' can also result in social stigma and embarrassment arising out of the misperceptions of others, as was the case here." Secondo quanto riportato dalla madre, molte difficoltà sarebbero derivate dall’aspetto della piccola e dal colore della sua pelle, diverso da quello degli altri membri della famiglia.

La Corte ritiene che il danno debba essere quantificato in circa il 30% dell’ammontare del risarcimento da mantenimento richiesto dalla madre.

In conclusione, la Corte evidenzia come “the life of every person carries with it its own inestimable value and dignity and the worth of a person can neither be enlarged nor its importance abridged by any pronouncement of this court – nothing we have said should (or, indeed, could) be taken as a reflection of this court’s view of the worth of Baby P. That is not the issue before this court nor can it ever be”.

Nel box download il testo della sentenza.

M.T.

Letto 273 volte Ultima modifica il Domenica, 30 Aprile 2017 18:49