Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "accetto" acconsenti all’uso dei cookie.

Jus centrale ita bianco

La procreazione medicalmente assistita tra biologia e volizione, nella sentenza n. 84 del 2016 della Corte costituzionale

Nota a sentenza di Cinzia Piciocchi, in commento alla decisione della Corte costituzionale n. 84/2016, pubblicata in Studium Iuris n. 12/2016, pp. 1437 ss.

Abstract: L'articolo prende le mosse dalla sentenza della Corte costituzionale italiana n. 84 del 2016 per analizzare la disciplina giuridica dell'utilizzo degli embrioni crioconservati a fini di ricerca scientifica, anche alla luce della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo. L'articolo considera inoltre il rapporto (problematico) tra la legge n. 40 del 2004 ed il principio del consenso informato, in relazione alle difficoltà di individuare la rilevanza dell'art. 6 della legge nel giudizio di costituzionalità.

Sommario: 1. Introduzione – 2. I profili d’incostituzionalità sollevati nell’ordinanza del giudice a quo – 3. La decisione della Corte. 3.1 L’art. 6 della legge 40/2004 ed il consenso informato – 3.2  L’art. 13 della legge 40/2004 e l’utilizzo di embrioni nella ricerca scientifica – 4. Alcune considerazioni conclusive – 5. Brevissima postilla sulla libertà di ricerca scientifica.

Informazioni aggiuntive

  • Autore: Cinzia Piciocchi
  • Tipo di pubblicazione: Articolo
Letto 1743 volte