Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "accetto" acconsenti all’uso dei cookie.

Jus centrale ita bianco

Lunedì, 25 Aprile 2016 21:31

UK High Court - Smith & Anor v University of Leicester NHS Trust [2016] EWHC 817 – nessun obbligo di informare i non-pazienti del risultato di test genetici

La High Court del Regno Unito ha rigettato un ricorso per negligenza presentato dalla famiglia di due bambini affetti da una patologia genetica nei confronti dell’ospedale che, alcuni anni prima, non aveva sottoposto un secondo cugino dei bimbi a un test che avrebbe permesso un rilevante vantaggio diagnostico.

I due fratellini erano nati con una forma presintomatica di adrenoleucodistrofia (determinata da una variante del gene ABCD1). La malattia si era manifestata in uno dei due all’età di sei anni, in uno stadio ormai troppo avanzato per poter essere trattata con terapie a base di cellule staminali ematopoietiche. Il fratellino, sottoposto a test, fu trattato con un trapianto di midollo e altre terapie, riuscendo a sopravvivere, pur con gravi problematiche.

La madre dei bambini aveva agito in giudizio nei confronti dello University Hospitals of Leicester NHS Trust che, nel 2003, non aveva sottoposto un cugino di secondo grado dei figli a un test di ampio spettro che avrebbe consentito di diagnosticargli una forma di adrenomieloneuropatia (una variante della adrenoleucodistrofia), nonostante tale test fosse stato richiesto da un medico. Secondo i ricorrenti, l’esito positivo del test (svolto anni dopo) avrebbe imposto una analisi più approfondita all’interno del gruppo familiare, consentendo una diagnosi più tempestiva nei bimbi, con conseguenti maggiori speranze in termini di cura.

Il giudice, facendo leva sull’assenza del requisito della proximity, esclude al responsabilità in capo ai medici nei confronti dei quali non sarebbe configurabile un duty of care.

«To extend the duty of care to a patient's second cousins (even though on the particular facts of the case there was the potential for them to be affected by an omission in the treatment of that patient) is to go well beyond the existing law and fails therefore the test of what is "fair just and reasonable" (…)».

Nel box download il testo della decisione.

M.T.

Letto 1104 volte Ultima modifica il Lunedì, 25 Aprile 2016 21:38