Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "accetto" acconsenti all’uso dei cookie.

Jus centrale ita bianco

Giovedì, 22 Maggio 2014 09:41

Sheffield Teaching Hospitals NHS Foundation Trust v TH and Anor [2014] EWCOP (22 maggio 2014) – direttive anticipate di trattamento

La Court of Protection ha preso in considerazione la richiesta della compagna di un uomo in stato vegetative persitente e irreversibile di interrompere I trattamenti di sostegno vitale. Pur rinviando la decisione ad un momento successivo al deposito di esami clinici più dettagliati, il giudice ha ricostruito – attraverso le testimonianze delle persone più vicine al paziente – le sue volontà.

TH era stato ricoverato al Northern General Hospital di Sheffield all’inizio del 2014 in stato di incoscienza. Intubato e sottoposto ad alimentazione artificiale, il suo stato di incoscienza non ha dato segni di miglioramento durante il periodico di ricovero. Gli esami clinici a cui TH è stato sottoposto hanno escluso la possibilità di un miglioramento delle sue condizioni cerebrali. Il paziente è quindi stato dichiarato in stato vegetativo permanente e irreversibile.

La Court of Protection è stata adita dalla ex-moglie di TH, TR,  per stabilire se la nutrizione e idratazione artificiale, così come gli altri trattamenti cui il paziente era sottoposto fossero nel suo best interest. A tal fine, la Corte è stata chiamata a valutare se, seppur in assenza di dichiarazioni anticipate sottoscritte dal paziente, fosse possibile ricostruire le sue volontà circa la sottoposizione a nutrizione e idratazione artificiali. 

Avendo ricostruito le volontà attraverso le testimonianze della compagna e di alcuni amici, il giudice conclude ritenendo che TH, qualora capace, avrebbe desiderato determinare in autonomia i gli ultimi momenti della propria vita, rifiutando i trattamenti de quibus: « To regard the evidence I have heard as merely indicating that TH does not like hospitals as was submitted, simply does not do justice to the subtlety, ambit and integrity of the evidence which, in my judgment, has clearly illuminated TH's wishes and feelings in the way I have set out.  I reiterate that whatever the ultimate weight to be given to TH's views it is important to be rigorous and scrupulous in seeking them out. In due course the clarity, cogency and force that they are found to have will have a direct impact on the weight they are to be given. 'Wishes' and 'best interests' should never be conflated, they are entirely separate matters which may ultimately weigh on different sides of the balance sheet».

Il giudice aggiorna la decisione al momento in cui saranno sottoposti all’attenzione della Corte I risultati di esami medici e neurologici sullo stato del paziente più dettagliati: «In relation to withdrawal of nutrition and hydration I am persuaded that the correct course is to adjourn this issue to provide for a structured clinical assessment to evaluate whether there is evidence that TH's primary neurological pathways are sufficiently intact to permit any evidence of awareness to be detected and fully to assess, over a set period of time, TH's general awareness, responsiveness and capacity to experience pain».

Il testo della sentenza è disponibile nel box download.

-LB-

Letto 4971 volte Ultima modifica il Venerdì, 13 Giugno 2014 10:04