Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "accetto" acconsenti all’uso dei cookie.

Jus centrale ita bianco

La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo di fronte al fattore scientifico: analisi della recente giurisprudenza in materia di procreazione medicalmente assistita e interruzione volontaria di gravidanza

Articolo di Simone Penasa, pubblicato in Revista Europea de Derechos Fundamentales, n. 1, 2013, pp. 235-270.

Abstract

Nella prima parte dello scritto verranno analizzate alcune recenti sentenze della Corte EDU, individuate all'interno di due contesti rispetto ai quali il fattore scientifico-tecnologico assume un ruolo decisivo, tanto rispetto ai contenuti delle legislazioni nazionali quanto alla valutazione di compatibilità delle medesime con la CEDU: la PMA e l’IVG. Nel condurre l'analisi, verranno seguiti tre fili conduttori, che corrispondono a questioni tradizionali della giurisprudenza CEDU, ma che sembrano assumere – in tali contesti – dimensioni e prospettive inedite: l’ambito di applicazione della nozione di ‘vita privata e familiare’ protetta dall'articolo 8 CEDU; il rapporto tra teoria del consensus e margine di apprezzamento nazionale; l’incisività e le tecniche utilizzate dalla Corte EDU nel valutare l’esercizio in concreto della discrezionalità.

Il testo è reperibile anche sul Forum di Quaderni costituzionali.

-LB-

Informazioni aggiuntive

  • Autore: Simone Penasa
  • Tipo di pubblicazione: Articolo
Letto 2780 volte