Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "accetto" acconsenti all’uso dei cookie.

Jus centrale ita bianco

I tormenti del corpo e le ferite dell'anima: la richiesta di assistenza a morire e l'aiuto al suicidio

Articolo di Stefano Canestrari, pubblicato in Diritto Penale Contemporaneo, 14 marzo 2019.

Il contributo è destinato alla pubblicazione nel volume collettaneo Il caso Cappato: riflessioni a margine dell’ordinanza della Corte costituzionale n. 207 del 2018, a cura di F.S. Marini e C. Cupelli, ESI, Napoli 2019.

SOMMARIO: Parte I. – 1. La questione di legittimità costituzionale sollevata dai giudici milanesi. – 2. Rifiuto delle terapie e rinuncia al proseguimento del trattamento sanitario nell’ambito della relazione paziente-medico. – 3. Trattamenti sanitari necessari alla sopravvivenza e ruolo del medico. – 4. Sedazione palliativa profonda continua nell’imminenza della morte. – 5. La questione dello statuto giuridico del suicidio. – Parte II. – 6. L’ordinanza della Corte costituzionale n. 207/2018. – Parte III. – 7. Il suicidio e le ferite dell’anima. – 8. I tormenti del corpo e le richieste di aiuto a morire. – 9. Patologie e libertà di scelta. – 10. Cenni sul dibattito internazionale. – 11. L’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore: un diritto umano fondamentale.

Il contributo è liberamente accessibile a questo link.

Informazioni aggiuntive

  • Autore: Stefano Canestrari
  • Tipo di pubblicazione: Articolo
Letto 292 volte