Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "accetto" acconsenti all’uso dei cookie.

Jus centrale ita bianco

Martedì, 17 Aprile 2018 20:04

TAR Lazio, sez. III Quater – decreto 7 settembre 2017: respinto il ricorso del Codacons riguardante le misure adottate per ottemperare agli obblighi di documentazione vaccinale

Il Presidente della Sezione III Quater del TAR del Lazio ha respinto il ricorso proposto dall’associazione Codacons contro il Ministero della salute in merito all’annullamento degli atti e provvedimenti adottati in attuazione del decreto legge n.73/2017, convertito in legge n.119/2017.

Il TAR ha analizzato tutte le misure adottate dal Ministero della salute in attuazione al decreto-legge n.73/2017 e ha ritenuto che l’istanza si riferisca in maniera particolare alla circolare n.0001679/2017, la quale stabilisce per i genitori l’obbligo di presentare la documentazione vaccinale entro l’11 settembre 2017: la mancata consegna di quest’ultima prevede l’esclusione dalle scuole materne e da tutti i servizi educativi per l’infanzia.

Il Codacons ritiene che il termine sia troppo breve rispetto alle attività da compiere per rientrare nei parametri previsti dalla legge e che siano necessarie le misure cautelari provvisorie.

Il TAR ha però reso chiaro come sia possibile presentare entro tale data una dichiarazione sostitutiva e che tutti i documenti riguardanti i vaccini possano essere completati fino alla data del 10 marzo 2018.

Proprio per questa ragione il TAR respinge il ricorso, ritenendo insussistenti le ragioni di estrema gravità ed urgenza che permetterebbero la concessione delle misure.

Nel box download il testo del decreto.

Ludovica Gaffuri

Letto 269 volte